Perché studiare il cinese

Tanti si chiedono: ma perché dovremmo imparare il Cinese? Questo Paese è così lontano da noi come cultura e storia e poi i caratteri sono difficili e poi… e poi…..

E’ vero che la lingua cinese richiede sì un importante sforzo mnemonico nell’apprendere i caratteri ma ha una grammatica relativamente poco complicata. Diversamente dal Francese, dal Tedesco o dall’Inglese, il cinese non ha coniugazione di verbi né declinazione di nomi (né singolare/plurale, né maschile/femminile) .
Inoltre, vorremmo solo darvi degli spunti che magari vi faranno cambiare idea sull’utilità della lingua cinese:
-La Cina è la più antica cultura del mondo, con circa 5000 anni di storia
-La Cina è la nazione più popolosa del mondo con circa 1,3 miliardi di persone
-Un quinto del pianeta parla cinese. Il mandarino è la lingua madre di circa 873 milioni di persone, ed è quindi la lingua più parlata al mondo come prima lingua.
-Inoltre, oltre alla Repubblica Popolare Cinese e a Taiwan, il cinese mandarino è anche parlato nelle consistenti comunità cinesi dell’Indonesia, Thailandia, Malesia, Singapore, Brunei, Filippine e Mongolia.
-La Cina è la seconda Potenza economica del mondo, dopo gli Stati Uniti
-Il quinto partner commerciale della Cina, fra I paesi europei, è l’Italia.

Aggiungiamo che al giorno d’oggi conoscere l’inglese è diventato un requisito necessario, per fare la differenza serve qualcosa in più….una lingua asiatica appunto!